sabato 22 dicembre 2012

Progetto 25: giorno 22 - Natale per tutti

Per capire meglio la forza del donare e il valore della generosità sto sperimentando anche quest'anno il Progetto 25 che consiste nel fare un regalo al giorno per 25 giorni (dal 1 al 25 dicembre). Non semplicemente comprare una cosa ogni giorno e scegliere a chi donarla, ma pensare a qualcosa di davvero speciale, dei gesti insoliti che possano far emergere la vera energia travolgente di un dono. La vecchiaia ha i suoi momenti belli. (A. Einstein)

VENTIDUESIMO REGALO: NATALE PER TUTTI - LA CONSEGNA

Avevo già preannunciato questo regalo in un precedente post, dove avevo descritto nel dettaglio il progetto denominato Natale per tutti, ossia una raccolta di dolci e regali da donare agli anziani del centro di Padova. Puoi trovare ulteriori dettagli qui.



Sabato scorso alcuni ragazzi e ragazze si erano trovati per preparare tutti questi pacchetti verdi da consegnare. Oggi, invece, è scattata la consegna. Ci siamo riuniti e divisi in gruppi di tre o quattro persone. Ad ogni gruppo erano state assegnate alcune vie e i nominativi delle persone da andare a trovare e alle quali consegnare i regali.

Vicino a piazza delle erbe è stato allestito il punto di smistamento, ossia dove sono stati portati tutti i regali e dove i gruppi una volta consegnati quelli che avevano con loro, potevano rifornirsi nuovamente di pacchi da consegnare. Io sono stato assegnato a questa postazione, insieme ad un amico. Per questo non ho vissuto la consegna direttamente, ma dovevo semplicemente "sorvegliare" i pacchi ancora da consegnare.

È stato emozionante lo stesso: per prima cosa perché ogni volta che una squadra tornava a prendere altri pacchi, mi facevo raccontare qualche aneddoto dei loro incontri; in secondo luogo perché anche io sono riuscito a consegnare un pacco ed è stata una consegna davvero sorprendente.

Proprio davanti al punto di smistamento, dove erano ammassati tutti i pacchi da consegnare, è passato un signore anziano su una carrozzella elettrica. Ho deciso di consegnare un pacchetto anche a lui, pur non essendo inserito nella lista (non sapevo nemmeno chi fosse e dove abitasse).

Quando gli ho detto che volevo consegnarli il pacchetto per fargli un regalo di Natale è rimasto letteralmente sbalordito, si è quasi commosso e con gli occhi lucidi, mi ha ringraziato chiedendomi se ero un angelo... poi ha detto una cosa bellissima, prima di salutare me e il mio amico: "Non vedo l'ora di andare a casa da mia moglie e dirle che ho incontrato due angeli".

Non serve altro... sforzi, freddo e attese... completamente e superbamente ripagate!

Nessun commento :

Posta un commento